Lettori fissi

sabato 31 gennaio 2015

Quando la civiltà non è affatto civile !!!

Spesso si giudicano male i popoli che vivono al di fuori delle civiltà, i membri delle tribù per esempio son sempre state visti come esseri incivili, solo perché vivevano in natura e non usavano abiti. Ma quanto è civile la civiltà ?

Per risalire alle prime civiltà dobbiamo andare indietro di 6000 anni, in Mesopotamia, l'antico Egitto. 
Cosa ricordo dell'Egitto?

Sopratutto io ricordo le migliaia di schiavi, sia per permettere ai faraoni una vita lussuosa, che per le costruzioni delle Piramidi !
Quanto erano civili gli egiziani ?

Ma vogliamo parlare di casa nostra ?
Parliamo dei Romani, il grandissimo impero Romano, cosa ricordo dell'antica Roma ?

Sopratutto io ricordo anche qui gli schiavi, i gladiatori, schiavi costretti a combattere per il divertimento del senato e del popolo stesso. Schiavi e schiavi !!!
Erano molto civili i romani vero? 

Ma vogliamo citare un attimo i tedeschi di Hitler ?
Parliamo dell'impero nazista...

Una strage di ebrei, un olocausto spinto dal'odio verso il diverso.
Erano più civili i tedeschi forse ?

Ma parliamo dei giorni nostri, quanto è civile la nostra civiltà ?
Qualcuno qui potrebbe pensare, cosa c'è di incivile. 
Ebbene solo il fatto di porvi questa domanda mi viene da arrabbiarmi, perché la verità è che tanti civili cittadini di questa civiltà non immaginano nemmeno quanto possa essere incivile!

Pensiamo al lavoro minorile!

Pensiamo allo sfruttamento dei paesi del terzo mondo da parte delle multinazionali di questa civiltà.
Pensiamo alle foreste spazzate via per fare spazio agli allevamenti.
Pensiamo ai terreni rubati in Africa per produrre cibo per gli allevamenti intensivi.
Pensiamo alle discriminazioni razziali e sessuali, pensiamo alle persone di colore picchiate e sfruttate in casa nostra.
Pensiamo ai ragazzi gay picchiati e morti suicidi 
per colpa di questo odio.
Pensiamo alle donne, ammazzate per un amore egoista e malato.
Pensiamo ai bambini che hanno perso la loro innocenza per colpa di cittadini malati di questa civiltà.
Pensiamo agli anziani, spesso abbandonati a se stessi, chiusi in luoghi dannati, o ammazzati per rubar loro 50 euro !
Ma pensiamo anche agli animali !
Milioni di animali vengono allevati in modo intensivo per la produzione di latte latticini uova carne e pesce. 
Milioni di animali che vengono maltrattati ed ammazzati per la gola dei cittadini di questa civiltà.

Pensiamo anche a madre Terra, guardiamo come l'abbiamo ridotta con il nostro inquinamento.
Sopratutto smettetela di lamentarvi per i nubifragi, cicloni, etc... sono effetti della nostra civiltà.

Ebbene ora ditemi quanto sono civili le nostre civiltà ?

mercoledì 28 gennaio 2015

Latte granarolo per vegan.... si certo, credici !

Eccolo, il pomo della discordia fra noi vegan. Il latte vegetale della Granarolo.  Sono giorni ormai che ci discuto nei social network, ma ora sono stanco, quindi scrivo in questo blog per chiudere, non ho intenzione di rovinarmi il fegato per questo. 
La Granarolo ha lanciato questa serie di latte vegetale, e tanti vegan l'hanno presa come se avessimo vinto la rivoluzione. 
Evviva, anche la Granarolo diventa vegan, abbiamo vinto. 
Purtroppo non è così, e non lo sarà mai. Stiamo parlando della Granarolo, uno dei principali produttori nazionale di latte vaccino, tu vegano come fai ad essere così ingenuo ? La Granarolo non ha deciso di smettere di produrre e vendere latte vaccino....  ma ha messo le sue mani sporche di sangue sulla fetta di mercato vergan, con una sola mossa, da una parte sta cercando di lavarsi la faccia sporca di sangue animale e dall'altra sta monetizzando da quelli che erano i suoi nemici principali. Con questa mossa chi lo boicottava ora lo finanzia. Ma per fortuna ci sono gli antispecisti, noi non ci caschiamo in questi giochetti.

Più latte vegetale si venderà e meno latte vaccino si produrrà.
Questo è il pensiero di alcuni vegan, questo è un pensiero ingenuo o troppo ottimista.
Ditemi ma davvero credete che la Granarolo possa dedicarsi esclusivamente ai prodotti vegan ?
Dai non siate così ingenui, diciamo allora che vi conviene avere prodotti vegan a portata di mano, ma questi prodotti non sono vegan. Si lo ripeto, il latte Granarolo vegetale non è vegan !!!

Ditemi cosa vuol dire essere Vegan per voi, perché per me vuol dire non basare la propria vita sullo sfruttamento e maltrattamento di animali.

La Granarolo con i vostri soldi continuerà a sfruttare e maltrattare animali, comprando quel latte si finanziano gli allevamenti intensivi.



Ovviamente qualcuno mi ha detto: 
Perché creare delle vere crociate quando poi si usano auto computer e cellulari ?
Rispondo qui per non ricominciare,  io non ho detto di essere perfetto, io cerco di fare la mia parte nel migliore dei modi, io mi sforzo a fare il meglio che posso.
L'auto non la uso più, preferisco la bici.
Computer, ne ho uno, e ha i suoi anni, quando si romperà cercherò di comprarlo usato, per non finanziare direttamente le multinazionali. 
Cellulare, ho un Tablet e pure lui ha i suoi anni. Pensate che era il primo tablet in commercio.
Non sono il tipo fissato che deve comprare uno smartphone all'anno, quando non funzionerà più lo cambierò comprandolo dal mercato dell'usato.  Questo è il mio modo per fare del mio meglio,  non posso rinunciare al cellulare, faccio parte di questa società malata, purtroppo, ma posso fare la differenza, e se questo non bastasse per cambiare il mondo... di certo basta per cambiare me stesso, smetterla di sentirsi loro complici è qualcosa di speciale.

Ma tanto la Granarolo continuerà ad esistere, lo compri o non, è indifferente, potrai cambiare proprio nulla.
Si, anche gli onnivori dicono lo stesso della carne, la mangi o non la mangi la carne continuerà ad esserci, gli allevamenti continueranno ad esistere, gli animali verranno comunque sfruttati e ammazzati. Volete ora dirmi che hanno ragione loro?
Non per me, ogni scelta può fare la differenza, se non per il mondo intero lo farà di sicuro per voi. Quando comprerete quel latte vi sporcherete le mani di sangue innocente... #sappiatelo !


  


sabato 24 gennaio 2015

Il giorno della Memoria

Il 27 gennaio si celebra il giorno della Memoria, una giornata per commemorare le vittime dell'olocausto.  
Si ricorda la liberazione del campo di concentramento di Auschwitz avvenuta il 27 gennaio del 1945. 
Ma io credo che il giorno della Memoria debba essere anche un giorno in cui non solo si ricorda gli errori, anzi orrori, del passato ma si debba anche guardare al presente per evitare che quei errori vengano ripetuti !!!
Le vittime dell'olocausto debbano essere ricordate, senza dubbio, ma bisogna anche prendere coscienza che ci sono ancora oggi milioni di vittime, parlo dell'olocausto animale ! 
Ci sono luoghi dove gli animali non nascono, vengono coltivati. 
Allevamenti intensivi dove esseri senzienti vengono tenuti in cattività senza nessun diritto. Mattatoi dovi esseri senziente vengono ammazzati crudelmente. Tutto questo per una cattiva abitudine alimentare, tutto questo per farvi avere la vostra fetta di carne, la vostra coscia di pollo, il vostro formaggio e il vostro latte.
Io sono vegan, ho deciso 6 anni fa di non essere complice di questi orrori, ho deciso di spezzare la catena violenta dell'alimentazione onnivora, ho deciso di non basare più la mia vita sullo sfruttamento e maltrattamento animale e nel giorno della memoria vi invito a fare altrettanto, smettiamola di finanziare campi di concentramento di animali !!!!

Auschwitz inizia quando si guarda a un mattatoio e si pensa: sono soltanto animali.

- Theodor Wiesengrund Adorno, filosofo

Non dobbiamo nemmeno limitarci solo all'olocausto animale però !
Spesso si fa questo errore, si pensa agli animali e ci si dimentica degli uomini. Errore gravissimo, non ci sarà mai un mondo migliore se non si cerca di cambiare anche la mentalità degli uomini. Io nel giorno della memoria vorrei ricordare anche gli uomini che ancora oggi sono vittime di discriminazioni! 
Ma un Auschwitz non vi è bastato ?
Volete compiere gli stessi errori fatti nel passato ? Ma allora a cosa serve la storia se non a questo ? Eppure ci sono persone che non fanno altro che diffondere odio e discriminazioni verso chi è diverso.  Mi rivolgo sopratutto ad esponenti politici di estrema destra, mi rivolgo a certi centri sociali, che di sociale poi hanno ben poco, mi rivolgo a certe pagine su Facebook. 
Gente come Matteo Salvini, che fa dell'odio verso gli immigrati la sua battaglia elettorale.
Partiti come Forza Nuova, o merda nuova come la chiamo io.
Centri sociali come CasaPound.
Pagine fasciste e razziste... e tante altre...
Ormai su Facebook c'è una vera e propria manipolazione, si studiano link appositi, si inventano frottole come case gratis agli immigrati, sussidi di migliaia di euro etc...  quando poi basterebbe un po di informazione seria per capire che agli immigrati danno pochi spicci ma che casualmente questi soldi si perdono per strada, finendo spesso nelle tasche di qualche mafioso o politico corrotto.
Io sono antispecista, quindi sono anche antirazzista e non posso proprio accettare che si facciano differenze per il colore diverso della pelle, per il sesso, per la specie e per la religione.
Dove ci sta portando tutto questo odio verso il diverso ?
Ve lo dico io! Ad un altro Auschwitz.



sabato 17 gennaio 2015

Il Vegano consumista è il nuovo nemico del cambiamento ?

Ciao amici lettori, spesso mi sono posto questa domanda, e spesso ci ho pensato su, ma oggi vorrei discuterne con voi.
Nella mia vita ho conosciuto vari tipi di vegan...
C'è il vegano per moda
C'è il vegano per salute
C'è il vegano per etica
Ma c'è una categoria che spesso li ha in comune tutti...
Il vegano consumista.
L'altro giorno nel mio gruppo su facebook mondo veg... parliamone alcuni vegan chiedevano tramite un evento un nuovo fast food vegano nella loro città.
Ma cavoli e cavolfiori!!!!
Io vorrei orti liberi, alberi da frutta nei parchi pubblici, io vorrei un mondo vegan e non certo un'altra società che sfrutta il veganismo.
Posso capire che ogni attività vegan in effetti potrebbe creare altri vegan....   ma di quale categoria ?
Forse sono io che sbaglio, forse il mio punto di vista è utopia, ma il cambiamento che vorrei non è avere supermercati vegan e locali vegan....cosa cambierebbe in effetti?
Gli animali si non verrebbero più allevati ed ammazzati....  ma cosa cambierebbe per gli uomini e per la terra ?
I prepotenti, le multinazionali si darebbero ai prodotti vegan e così potrebbero continuare a sfruttare le risorse della terra e i popoli sotto sviluppati.
Nel cambiamento che vorrei il capitalismo verrà sconfitto,
Nel cambiamento che vorrei esistono gruppi di acquisto con scambi e baratto.
Nel cambiamento che vorrei i soldi non hanno più valore....  sono solo carta.
Perché solo con questo cambiamento così radicale, estremo per qualcuno, il mondo potrebbe cambiare davvero !
Un ritorno alla natura, gli animali in natura non hanno bisogno di lavorare per far arricchire gli altri!
Basta con questo nuovo schiavismo...  tutti potremmo vivere liberi in natura... come gli altri animali.
Invece la strada che stiamo percorrendo è quella del nuovo capitalismo... il capitalismo verde... che poi di verde ha ben poco.



Non mi meraviglierei se un giorno assisterei a vegan che comprano prodotti della findus, Coca Cola e magari anche un mc merda per vegan.

Ma è questo il cambiamento che volete ?
Io no !!!
Io continuerei a boicottare le multinazionali anche se vendessero esclusivamente prodotti vegan....
Vogliamo tenerci il sistema capitalista ???
Ma per favore no !!!

Tu vegano non hai tempo per auto produrti il seitan ?
Compralo... ma dal vegano che lo auto produce !
Non sarebbe così difficile creare gruppi di acquisti solidali, da qualche parte esistono già e funzionano.
Perché comprare quello che potresti produrre ?  
Il veganismo non dovrà mai essere brevettato dalle multinazionali.... sarebbe la fine del cambiamento!

Cosa ne pensi tu ?



venerdì 16 gennaio 2015

Consumare carne tre volte alla settimana aiuta il tuo corpo.... si a beccarsi un cancro !!!!

Disinformazione, pura disinformazione per scopi commerciali. Ma cosa non sarebbero disposti a fare per vendere ?
I Despar hanno esposto queste locandine, pubblicità ingannevole punibile per legge  !
Amici se notate queste locandine chiamate i NAS, oppure le guardie forestali.
La carne fa male, crea disturbi cardiovascolari e crea il tumore al colon....  ecco come aiuta il tuo corpo...  l'aiuta a morire !


REGOLAMENTO (CE) N. 1924/2006 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

del 20 dicembre 2006
relativo alle indicazioni nutrizionali e sulla salute fornite sui prodotti alimentari.

(4) Il presente regolamento si dovrebbe applicare a tutte le
indicazioni nutrizionali e sulla salute figuranti in comunicazioni
commerciali, compresa tra l'altro la pubblicità
generica di prodotti alimentari e le campagne promozionali
quali quelle appoggiate in toto o in parte da autorità
pubbliche. Esso non si dovrebbe applicare alle indicazioni
che figurano in comunicazioni non commerciali, quali gli
orientamenti o i consigli dietetici espressi da autorità e
organi della sanità pubblica, né a comunicazioni e informazioni
non commerciali riportate nella stampa e in
pubblicazioni scientifiche. Il presente regolamento
dovrebbe inoltre applicarsi ai marchi e alle altre denominazioni
commerciali che possono essere interpretati
come indicazioni nutrizionali o sulla salute.

(5) Le indicazioni nutrizionali non benefiche esulano dall'ambito
di applicazione del presente regolamento e gli Stati
membri che intendono istituire regimi nazionali riguardo
a tali indicazioni dovrebbero notificarli alla Commissione
e agli altri Stati membri a norma della direttiva 98/34/CE
del Parlamento europeo e del Consiglio, del
22 giugno 1998, che prevede una procedura d'informazione
nel settore delle norme e delle regolamentazioni
tecniche e delle regole relative ai servizi della società
dell'informazione

(6) A livello internazionale, il Codex Alimentarius ha adottato
orientamenti generali sulle indicazioni nel 1991 e
orientamenti sull'utilizzo delle indicazioni nutrizionali nel
1997. Una modifica a questi ultimi è stata adottata dalla
commissione del Codex Alimentarius nel 2004. La modifica
riguarda l'inserimento delle indicazioni sulla salute
negli orientamenti del 1997. La dovuta considerazione
viene riservata alle definizioni e alle condizioni definite
dagli orientamenti del Codex.

(9) Gli alimenti promossi mediante indicazioni possono
essere percepiti dal consumatore come portatori di un
vantaggio nutrizionale, fisiologico o per la salute in generale
rispetto ad altri prodotti simili o diversi ai quali tali
sostanze nutritive e altre sostanze non sono aggiunte. Ciò
può incoraggiare i consumatori a compiere scelte che
influenzano direttamente la loro assunzione complessiva
delle singole sostanze nutritive o di altro tipo in modo
contrario ai pareri scientifici in materia. Per contrastare
questo potenziale effetto indesiderato, è opportuno
imporre talune restrizioni per quanto riguarda i prodotti
recanti indicazioni. In questo contesto, fattori come la
presenza di determinate sostanze, ad esempio il contenuto
di alcol o il profilo nutrizionale del prodotto, sono
criteri appropriati per determinare se il prodotto stesso
possa recare indicazioni. Avvalersi di tali criteri a livello
nazionale, benché giustificato per consentire ai consumatori
di compiere scelte nutrizionali informate, rischia di
creare ostacoli al commercio intracomunitario e dovrebbe
quindi essere armonizzato a livello comunitario.

(10) L'applicazione di profili nutrizionali come criterio è
intesa ad evitare situazioni in cui le indicazioni nutrizionali
o sulla salute occultano il valore nutrizionale
complessivo di un dato prodotto alimentare e possono
quindi fuorviare il consumatore che cerca di compiere
scelte sane nel quadro di una dieta equilibrata. Scopo
unico dei profili nutrizionali previsti dal presente regolamento
è regolare le circostanze in cui sono possibili le
indicazioni. Essi dovrebbero fondarsi su dati scientifici
generalmente accettati sul rapporto tra regime alimentare
e salute. Dovrebbero tuttavia anche lasciar spazio all'innovazione
dei prodotti e tener conto della variabilità delle
abitudini dietetiche e delle tradizioni alimentari e del fatto
che i singoli prodotti possono svolgere un ruolo importante
nell'ambito della dieta complessiva.


DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 1992, n. 109 
Attuazione delle direttive n. 89/395/CEE e n. 89/396/CEE concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicità' dei prodotti alimentari.
Art. 2.
P u b b l i c i t a'
1. L'etichettatura, la presentazione e la pubblicita' dei prodotti
alimentari non devono indurre in errore l'acquirente sulle
caratteristiche del prodotto e precisamente sulla natura, sulla
identita', sulla qualita', sulla composizione, sulla quantita', sulla
durabilita', sul luogo di origine o di provenienza, sul modo di
ottenimento o di fabbricazione del prodotto stesso.
2. L'etichettatura, la presentazione e la pubblicita' dei prodotti
alimentari, fatte salve le disposizioni applicabili alle acque
minerali naturali ed ai prodotti destinati ad una alimentazione
particolare, non devono essere tali da indurre ad attribuire al
prodotto proprieta' atte a prevenire, curare o guarire malattie umane
ne' accennare a tali proprieta' che non possiede; non devono,
inoltre, evidenziare caratteristiche particolari, quando tutti i
prodotti alimentari analoghi possiedano le stesse caratteristiche.



Come rispondere alle domande idiote di certi onnivori !

Ebbene cari lettori voglio raccogliere le domande più idiote degli onnivori e voglio provare a dar loro una risposta :)

Come non iniziare da questo meme ???

Sei vegano?....  ma anche le piante soffrono !
Si, questa è la classica domanda idiota che certi onnivori pongono ai vegani. Analizziamola insieme cercando di non ridere :)
Le piante soffrono davvero ?
Io posso solo immaginare che in qualche modo anche loro possono avere una certa sensibilità,  esistono piante sensibili al tocco umano, esistono piante che intelligentemente si girano per esporsi di più al sole, esistono piante che si evolvono, mutano, si arrampicano... ma credo che sia per una sorta di istinto a sopravvivere. I vegetali non hanno un sistema nervoso e quindi anche se sono in grado di reagire a stimoli esterni non possiamo di certo valutare queste reazioni come emozioni, sentimenti. Per la scienza le piante non riescono a sentire il dolore.
Ma se tutto sommato fosse vero, se la scienza si sbaglia e quindi se effettivamente per assurdo anche le piante possano sentire dolore in questo caso ci sarebbe un motivo in più per essere vegan !
Per produrre 1 misero kg. di carne occorrono 15 kg di vegetali !
Considerate questo in scala mondiale ed ora ditemi chi "ammazza più vegetali"
Vogliamo parlare anche delle foreste disboscate per far spazio agli allevamenti intensivi ?
Vorrei rispondere a questa domanda con un'altra e chiedere a tutti gli onnivori:
Ma dove va a finire la vostra empatia per le piante quando voi mangiate carne che causa deforestazione e che è frutto di migliaia di ettari di terra coltivati a mais o soia per produrre cibo per gli animali degli allevamenti intensivi ?
Noi vegan abbiamo scelto di non basare più la nostra vita sullo sfruttamento e maltrattamento degli animali. 
Per sopravvivere dobbiamo pur nutrirci e sinceramente noi preferiamo sacrificare i vegetali e risparmiare gli animali, perché se c'è una cosa che è scontata è che per gli animali è stato confermato anche dalla scienza, loro sono esseri senzienti proprio come noi, loro provano emozioni, sentimenti e sentono il dolore !!!
Voi che mostrate empatia per le piante, dove non è stato certificato che siano senzienti, perché non mostrate un minimo di empatia e rispetto anche per gli animali, dove invece è sicuro che possano sentire il dolore ?
Le vedi le differenze ?
Pare che gli animali lasciano una pozza di sangue...
Pare che gli animali piangono
Pare che gli animali soffrono
Pare che i vegetali no !
Ecco perché i vegan preferiscono sacrificare i vegetali per vivere.... mentre gli onnivori sacrificano entrambi e poi rompono i cojoni ai vegani sulla sofferenza delle piante :)

L'uomo, da che il mondo è mondo, è sempre stato carnivoro, basta vedere i nostri canini.
Ecco l'altra cazzata XD
I primi uomini sulla terra erano frugivori, si nutrivano di semi, radici e frutti. Oggi l'uomo è onnivoro, che vuol dire che potrebbe mangiare di tutto ma non che tutto quello che mangia gli faccia bene. Sopratutto la carne, l'organismo dell'uomo non è fatto per mangiare cadaveri di animali, l'uomo ne resta intossicato a causa delle sostanza tossiche che sono presenti nella carne. L'animale carnivoro espelle la carne dal proprio corpo con la massima velocità possibile, notasi l'intestino lungo 3 volte il corpo  a differenza dagli onnivori in cui l'intestino è lungo 12 volte la lunghezza del corpo. Inoltre gli onnivori non tollerano i forti succhi gastrici necessari alla digestione della carne. Se poi vogliamo parlare di canini...  i nostri sono simili a quelli dei gorilla... che li usano per spaccare le noci ... e non di certo come i canini dei leoni.
Poi se siete ancora convinti di essere carnivori allora invece di comprare la carne e mangiarla cotta... uscite a caccia, senza armi... catturate la vostra preda e mangiatela cruda !
Poi ne riparleremo :)

Sei vegan?  e dove prendi le proteine ?
Ahah questa è classica, se potessi avere il potere di veganizzare un onnivoro per ogni volta che mi hanno fatto questa domanda oggi vivrei in un mondo vegan :)
Dove prendiamo le proteine ?
Io non ho una base scientifica, quindi non ci provo nemmeno a darvi una risposta scientifica, io che sono vegano da 6 anni quasi se non avessi trovato una fonte vegetale di proteine a quest'ora sarei già morto... ma visto che sto scrivendo in questo blog... o sono vivo e quindi le famose proteine le ho trovate... oppure sono uno zombie :)
A cosa preferisci credere ?
Wuahahahhah
Ma ora vi copio però un pezzo per chi non sa scegliere XD

Le dosi giornaliere consigliate per un adulto sono di 10-20 mg, ma solo il 10% del ferro introdotto con l’alimentazione viene assorbito dal nostro organismo, per cui l’assorbimento effettivo si riduce a 1-2 mg. Ma con qualche accorgimento si può ovviare a questo problema. Buone fonti di ferro sono diversi tipi di ortaggi, i legumi,semi di zucca, la frutta secca e le verdure a foglia scura e le spezie.
Con pochi e semplici trucchi, possiamo aumentare l’assorbimento effettivo del ferro. E’ importante ed è buona abitudine imparare ad abbinare i cibi: bisogna ricordarsi che il calcio e il fosforo inibiscono l’assorbimento del ferro, così come la teina e la caffeina, è invece consigliato associare la vitamina C in quanto ne favorisce l’assorbimento. Quindi una spruzzata di succo di limone sugli ortaggi è un’ottimo modo per poter permettere al nostro organismo di assimilare in modo migliore il ferro contenuto nei vegetali.

Ultime riflessioni


Io vorrei provare a capire la rabbia di certi onnivori verso i vegan... ma proprio non ci riesco.
Perché tanto odio nei nostri confronti ?
Guardate che se miglioreremo questo mondo, se garantiremo la vita nel futuro ve ne beneficerete anche voi!!!
I vostri figli (oh mamma, figli di un anti-vegan forse sarebbe meglio di no) un giorno potranno mantenersi in vita anche grazie all'alimentazione vegana.
Perché forse non è chiaro... l'alimentazione onnivora non è più supportata da questo pianeta.... l'alimentazione onnivora sta esaurendo le ultime risorse.... poi fine dei giochi !!!
Già si parla che nel 2042 il mare sarà privo di vita...
Già negli allevamenti intensivi stanno testando di dare larve di mosche e cavallette alle mucche... loro che in natura erano erbivore !
Quindi cari onnivori ditemi perché riserviate tanto odio verso i vegan ?
Perché vi facciamo sentire inferiori ?
Perché per colpa nostra voi sentita la vostra coscienza che urla?
Perché non avete più scuse per continuare a mangiare cadaveri ?
Parliamone... :)

giovedì 15 gennaio 2015

Tranquilli, i nostri problemi cesseranno di esistere.... arriva l'Expo !!!

La gente aspetta l'Expo Milano 2015 come se fosse il salvatore, 
colui che risolverà i problemi degli italiani !
Ebbene forse vi dirò cose che non vorreste sentire, ne leggere.... 
ma credo di dirvi la verità, soltanto la verità !




Inizio col dirvi chi sono gli espositori, chi rappresenterà l'expo secondo voi ?       
Potrebbe mai essere il contadino, la cooperativa agricola, l'artigiano ?                   
L'expo non sarà altro che l'esposizione dei soliti prepotenti, le multinazionali come la Monsanto, Coca Cola, Nestlè e merde simile senza dimenticare i legami con la Mafia..

Leggo dal loro sito :

Expo Milano 2015 è l’Esposizione Universale che l’Italia ospiterà dal primo maggio al 31 ottobre 2015 e sarà il più grande evento mai realizzato sull'alimentazione e la nutrizione. Per sei mesi Milano diventerà una vetrina mondiale in cui i Paesi mostreranno il meglio delle proprie tecnologie per dare una risposta concreta a un’esigenza vitale: riuscire a garantire cibo sano, sicuro e sufficiente per tutti i popoli, nel rispetto del Pianeta e dei suoi equilibri.
 Per sei mesi diventerà al massimo una vetrina delle multinazionali più bastarde se mai !

Riuscire a garantire cibo sano, sicuro e sufficiente per tutti i popoli, nel rispetto del Pianeta e dei suoi equilibri.
Ma se vogliono garantire cibo sufficiente per tutti i popoli perché le loro multinazionali non fanno altro che strappare via terreni ai popoli?  Vedesi in Africa.
Ma se vogliono il rispetto del pianeta e dei suoi equilibri perché stanno finanziando gli OGM, perché non fanno altro che inquinare deforestare e distruggere ?


Ma come potrei mai credere che gente che ha distrutto questo mondo oggi con l'Expo vorrebbe creare una soluzione ai problemi ? Gente simile ha sempre ed esclusivamente un unico fine...  i soldi, il potere !!!! 

Ma ricordiamo insieme chi sono e cosa hanno fatto.




La campagna di boicottaggio della Nestlé è nata soprattutto dalla politica della società nella vendita del latte in polvere (qui l'azienda controlla più del % del mercato mondiale). La multinazionale avrebbe provocato la morte di 1,5 milioni di bambini per malnutrizione. La Nestlè incoraggia e pubblicizza l'alimentazione dal biberon fornendo informazioni distorte sull'opportunità dell'allattamento artificiale e dando campioni gratuiti di latte agli ospedali (in particolare negli ospedali del Terzo mondo), o "dimenticando" di riscuotere i pagamenti.
Oltre a questo la Nestlè è considerata una delle multinazionali più potenti e più pericolose del mondo. E' criticata per frodi e illeciti finanziari, abusi di potere, inciuci politici, appoggio e sostegno di regimi dittatoriali. Ultimamente è stata presa di mira per l'utilizzo di organismi geneticamente modificati nella pasta (Buitoni), nei latticini, dolci e merendine.
Intere aree di foresta vengono distrutte per far posto alle sue piantagioni di cacao e di caffè, dove si utilizzano pesticidi molto pericolosi (alcuni proibiti nei paesi industrializzati).


Inoltre sta privatizzando l'acqua pubblica, un bene di tutti offerto da madre natura.

Ecco una lista completa dei marchi di proprietà Nestlè:
Acque minerali e Bevande: Claudia, Giara, Giulia, Levissima, Limpia, Lora Recoaro, Panna, Pejo, Perrier, Pra Castello, San Bernardo, San Pellegrino, Sandalia, Tione, Ulmeta, Vera, Acqua Brillante Recoaro, Batik, Beltè, Chinò, Gingerino Recoaro, Mirage, Nestea, One-o-one, San Pellegrino, Sanbitter.
Dolci, gelati, merendine: Le ore liete, Cheerios, Chocapic, Fibre 1, Fitness, Kix, Nesquik, Trio, Kit Kat, Lion, Motta, Alemagna, Baci, Cioccoblocco, Galak, Perugina, Smarties, Antica Gelateria del Corso
Cacao, caffè e derivati: Cacao Perugina, Nescafè, Malto Kneipp, Orzoro.
Carne e pesce: Vismara, Mare fresco, Surgela,
Frutta e Verdure (anche sottolio e sottaceto): Condipasta, Condiriso, Berni, la Valle degli Orti
Latticini e yogurt: Formaggi Mio, Fruit joy, Fruttolo, Lc1.
Olio e derivati: Sasso, Sassonaise, Maggi,
Latte in polvere: Guigoz, Mio, Nidina, Nestum.

Ecco il logo giusto per la Nestlè !!!
Se lei viene rappresentata con la mamma uccello che nutre il figlio.... il figlio nutrito dalla Nestlè è morto !!!

Dove c'è Barilla....c'è la guerra altro che casa !!!


Nel Consiglio di Amministrazione della Barilla siede Walter Wurth, presidente della multinazionale svizzera Oerlikon Buhrle, una delle maggiori aziende europee di armi pesanti.

BANCHE & ARMI
da "Mini-Guida al consumo critico e al boicottaggio", Movimento "Gocce di Giustizia", Vicenza:
Operazioni relative a esportazioni di armi dall'Italia:
Banca Commerciale Italiana 559.606.652.137
Banca di Roma 126.324.177.990
Banca Nazionale dell'agricoltura 48.294.412
Banca Nazionale del lavoro 62.279.996.862
Banca popolare Bg-Cr Varesino 928.212.520
Banca popolare di Intra 66.717.561
Banca popolare di Lodi 2.544.014.344
Banca popolare di Novara 552.055.054
Banca di Toscana 491.082.053
Banco Ambrosiano Veneto 65.237.144
Banco di Chiavari e della Riviera Ligure 2.591.485.567
Banco di Napoli 266.001.105
Banco S. Paolo di Torino 316.135.128.734
Cassa di Risparmio di La Spezia 35.940.162.652
Cassa di Risparmio Prov. Lombarda 10.735.915.391
Credito Italiano 189.452.954.884
Monte Paschi di Siena 189.984.864.730

Prodotti:



Barilla

Crackers
Motta
Essere
Gran Pavesi
le Tre Marie
le Spighe
Mulino Bianco
Pavesini
Voiello
Panem
ECC


Coca Cola
Recentemente alcune associazioni di difesa dei lavoratori colombiani hanno deciso di intentare una causa contro la Coca cola per l'omicidio di alcuni sindacalisti. Secondo i portavoce delle associazioni la multinazionale usa vere e proprie squadre della morte per "minacciare" i dirigenti sindacali che intraprendono battaglie per i diritti dei lavoratori. Nei primi sei mesi del 2001 sarebbero stati uccisi 50 dirigenti sindacali, 128 lo scorso anno, piu' di 1500 negli ultimi dieci anni.

Monsanto 
Metà del suo fatturato annuale proviene dalla produzione di erbicidi, di ormoni di sintesi e di sementi geneticamente modificate. Il resto proviene dalle attività farmaceutiche.
E' il terzo produttore del mondo di pesticidi e controlla il 10% del mercato mondiale. E' una delle maggiori aziende del mondo nella produzione di sementi geneticamente modificati (capaci di resistere agli stessi erbicidi prodotti dalla stessa Monsanto).
Nel 1997, negli Stati Uniti, ha pagato una multa di 50mila dollari per pubblicità ingannevole. Aveva definito l'erbicida Roundup un prodotto "biodegradabile ed ecologico".
Ancora nel 1997, in occasione della conferenza sul clima di Kyoto, la multinazionale ha fatto pressioni affinché la conferenza non inserisse gli HFC (idro fluoro carburi, sostanze pericolose perché contribuiscono in misura notevole all'effetto serra) fra i gas da ridurre.
Nel 1999 è stata denunciata per abuso di posizione dominante nel settore delle biotecnologie.
Sempre nel 1999 è stata denunciata perché testava i suoi prodotti sugli animali.



Se l'Expo volesse davvero garantire cibo sano, sicuro e sufficiente per tutti i popoli, nel rispetto del Pianeta e dei suoi equilibri allora dovrebbe parlare esclusivamente di alimentazione vegan e gli espositori non dovrebbero essere le multinazionali.... loro che sono la causa diretta della fame nel mondo e dell'inquinamento della Terra.  Riflettiamo :)

Tanti Auguri Veganpress

Il 15 Gennaio 2012 scrissi il mio primo post in questo blog, 

oggi voglio festeggiare questo terzo anniversario.

Insieme ne abbiamo viste tante....
Abbiamo fatto tanta informazione:

Ci siamo messi nei panni degli animali...

Abbiamo commentato delle manifestazioni a cui avevo partecipato...
e tante altre

Abbiamo anche sputtanato chi sfrutta il veganismo...


Ma sopratutto abbiamo sperimentato tante ricette vegan...

Purtroppo alcune immagini sono andate perse.... l'avevo notato sfogliando vecchi post. Infine io purtroppo per alcuni mesi avevo smesso di scrivere....  ma proprio ieri si è riaccesa la voglia di bloggare....   e casualmente...  un giorno prima del terzo anniversario :)
Destino ?
Tanti auguri Veganpress....abbiamo ancora un cammino lungo da percorrere insieme.
Go Vegan !!!
Go Veganpress!!!

mercoledì 14 gennaio 2015

Uova, un massacro evitabile. Ecco come sostituisco le uova in cucina !

Da buon vegano ho smesso di basare la mia vita sullo sfruttamento e maltrattamento degli animali... le uova rappresentano solamente un massacro di pulcini maschi e milioni di galline in cattività....  la mia cucina non ha bisogno di uova.

Ecco come ho sostituito le uova :



Per i fritti faccio una pastella con farina e vino bianco oppure farina e latte di soia con spezie a piacere. Ma ecco alcune ricette :

Cotolette di melanzane: 
Si tagliano un po spesse le melanzane poi si fa la pastella, latte di soia, sale e un po di farina, anche con quella di ceci viene bene. Si bagnano nella pastella poi nel pan grattato e si buttano nell'olio bollente! Buonissime!


Frittata con cipolla e prezzemolo. La base delle mie frittate è sempre la stessa: un bicchiere di latte vegetale e un bicchiere di farina di ceci. Spezie a piacere.


INGREDIENTI PER 4 CREPES: 300 ml di latte di soia 150 gr di farina tipo 0 80 gr zucchero di canna grezzo Un cucchiaino di bicarbonato olio di semi Prendete una terrina versateci il latte la farina e mescolate, nel frattempo fate sciogliere lo zucchero di canna grezzo con la cottura a bagnomaria, sistema doppia pentola, in una ci mettete l'acqua e nell'altra li zucchero di canna grezxo con un po di latte di soia. Adesso versate lo zucchero sciolto nella tertina mescolate bene e aggiungete il bicarbonato. Coprite la terrina e lasciate riposare per 20 minuti. Prendete una padella antiaderente, versate dell'olio di semi in un bicchiere, e bagnate un tovagliolo nell'olio per ungere la padella per ogni crepe. Versate l'impasto in modo da fare una sottile crepe, coprite tutta la superficie della padella. Girate la crepe e rifate lo stesso procedimento per il restante impasto. Potete farcire la crepe come preferite io ho usato confettura bio di ciliegie.


I biscotti della casa! Ingredienti Farina 500 gr Latte di soia 150 ml Zucchero di canna 100 gr Nocciole tritate o farina di nocciole Una grattugiata di limone e arancia un cucchiaino di bicarbonato. Preparate l'impasto lavorandolo a mano su un tavolo di lavoro, poi fate tante palline, allungate le palline e chiudetele a ciambelle. Infornata per 20/25 minuti a 180 gradi !


Conchiglioni al forno con seitan tofu e verdure

Gelato Banane e fragole ! Frullate 2 banane surgelate, messe nel congelatore almeno il giorno prima, poi aggiungete le fragole, bastano 4/5 fragoline, quelle del mio orto non sono grandissime, ma sono buonissime. Ora versate il gelato e decorate a piacere.

Torta con la zucca. Prima di andare a descrivere gli ingredienti e il procedimento devo dire quattro parole Con questo dolce ho veganizzato tutto il ricettario di mia mamma L'impresa non era semplice, io non sono un cuoco ne un pasticciere, sono un dilettante !!! Gli ingredienti da sostituire erano tanti, uova, amaretti ecc... 
Il risultato è stato stupefacente, e ne ho fatte due con questo impasto, ma se avete una teglia grande potrete farne una sola.  
Passiamo agli ingredienti: 1 Kg. di zucca pulita 200 Gr. di farina tipo 0 150 Gr. di zucchero di canna 250 Gr. di amaretti vegan ( o biscotti secchi) 3 cucchiai di olio di semi 3 cucchiai di latte vegetale 2 bustine di vaniglia 1 bustina di lievito 1 cucchiaio di liquore a piacere (va bene anche senza) 1 cucchiaino di cannella in polvere 1 buccia di limone grattugiata Margarina di soia (per imburrare la teglia) Pan grattato (per spolverare la teglia) 
Procedimento : Sbucciare la zucca, pulirla, farla a pezzi e metterla a cuocere con un bicchiere di acqua per 25 minuti circa, girare ogni tanto. A cottura frullare la zucca e renderla una vellutata crema di zucca. Frantumare i biscotti secchi, potete anche frullarli se volete. Prendete la buccia di un limone e grattugiatela per bene. 
Adesso mescoliamo prima i secchi. Farina, zucchero, biscotti, limone e versarci l'olio, il latte e la zucca vellutata. Mescolare bene con una frusta. Aggiungere la vaniglia, il liquore se volete e il lievito. Ora imburriamo la teglia con la margarina vegetale o margarina di soia e la spolveriamo con un cucchiaio di pan grattato. Versiamo il composto e inforniamo a 180° per 25 minuti circa.


Chiacchiere Guanti Bugie, paese che vai tradizioni che trovi... ma la base è sempre la stessa, ma noi siamo per un Carnevale senza sofferenze... niente latte di povere mucche... niente uova di povere galline !!! Ingredienti: 400 g di farina tipo 0 50 gr di margarina 100% vegetale 70 gr di latte di soia Una tazzina di Vermouth bianco 100 gr di zucchero meglio se di canna grezzo 1 bustina di vanillina Olio di semi Cannella frantumata Zucchero a velo se volete e a piacere Procedimento: In una terrina mischiate la margarina e lo zucchero fino ad avere un composto ben amalgamato. Se usate zucchero di canna fatelo sciogliere un po, consiglio di metterlo in una pentola sopra un' altra pentola (chiamata bollitura a doppia pentola o a bagno maria) d' acqua e fai bollire l' acqua. Questo scioglierà lo zucchero ma non lo farà surriscaldare. Adesso unite il Vermouth bianco, il latte di soia, la vanillina e la farina ed impastate fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo. (L'impasto con 400 gr di farina è venuto molliccio, cosi ho preso altri 100 gr di farina e ho amalgamato bene sul piano di lavoro) Poi avvolgete il panetto in un telo e mettetelo a riposare per circa 20/30 minuti nel frigo. Nel frattempo infarinate il piano da lavoro, prendete l’impasto e stendetelo... Se volete fare le chiacchiere la sfoglia dovrà essere molto fine, per i guanti tipici campani la sfoglia dovrà essere un po più spessa !!! Adesso con un tagliapasta ondulato ricavate dei rettangoli di pasta... Praticate un taglio al centro di ogni rettangolo. Prendete una padella alta scaldate abbondante olio di semi e buttateci le chiacchiere, poche per volta. Fatele dorare entrambi i lati e adagiatele su carta assorbente. Adesso prendete lo zucchero a velo, mescolate in un piatto la cannella frantumata finemente o meglio macinata e spolverateci le chiacchiere. 
A Carnevale ogni scherzo vale... ma noi non scherziamo sugli ANIMALI !!!!



Forza cari lettori, punto sopratutto sui vegetariani, se avete scelto di non mangiare carne per etica, non potete evitare di passare a vegan, vegetariano non basta, purtroppo le galline vengono sfruttate e maltrattate e i pulcini maschi vengono tritati vivi o lasciati a morire in sacchi !
I pulcini maschi non fanno le uova... e sono di costituzione fisica non idonea per il mercato dei polli in pratica non diventeranno mai come i polli a busto o polli testa e zampe che si vedono nei banchi della macelleria... ergo li tritano vivi e li trasformano o in concime per l'agricoltura o in farine animali da dare in pasto agli animali negli allevamenti. Una triste realtà !!!
Forza io posso aiutarvi se ne avete bisogno, avete fatto un passo... ora fatene un'altro... passate a vegan !

Solo l'alimentazione Vegana è eticamente compatibile !!!

Guardate questo video:Link video





Le verità sugli allevamenti intensivi del latte.

I media e le industrie lattiero-casearia vorrebbero lasciarti credere alle "Fattorie felici, dove le mucche trascorrono felicemente e serenamente i loro giorni"
Altri lasciano credere invece che le mucche pascolano libere per i prati e per i colli per poi presentarsi automaticamente alla mungitura :)
Nessuno, proprio nessuno vi direbbe mai che... 
Ci sono posti dove gli animali non nascono, ma vengono coltivati !!!




Le mucche, proprio come noi umani, sono esseri senzienti, hanno interessi, sogni, desideri, e sopratutto essendo esseri senzienti loro sentono il dolore, la sofferenza, lo stress di una vita in cattività. Una mucca vorrebbe vivere in libertà correndo e giocando per i prati, invece per colpa del vostro bicchiere di latte viene sfruttata e maltrattata.


Ecco il diabolico macchinario per la mungitura delle mucche.


Per ottenere il latte e i prodotti caseari, le mucche vengono selezionate per produrre più latte possibile, vengono bombardate con ormoni etc. Pensate che la quantità di latte che queste mucche producono è di circa sei volte la quantità che berrebbe normalmente un vitello.
Come risultato, vi è un alto rischio di mastiti, una dolorosa infezione della mammella; un’altra conseguenza è la zoppia, causata delle mammelle troppo pesanti per le zampe posteriori e dal fatto di essere costrette a passare ore in piedi su pavimenti di cemento per essere munte diverse volte al giorno.
Le mucche non hanno sempre il latte, questo non è chiaro a tutti, le mucche sono mammifere, per avere il latte devono essere ingravidate, 
Negli allevamenti intensivi le mucche vengono ingravidate artificialmente dal braccio violento dell'allevatore che prende lo sperma dal bue, anch'esso selezionato, 
Visto che il latte sarà venduto per l'uomo il vitellino appena nato viene allontanato dalla mamma.

Ci sono allevamenti che continuano a lasciare il vitellino femmina con la mamma, per poterla un giorno sfruttare per il latte, però usano una specie di anello che non permette al vitellino di allattare. 
Sinceramente lo trovo ugualmente di una crudeltà atroce.


I vitellini maschi invece vengono allevati separatamente con una alimentazione priva di ferro.
Il mercato esige che le sue carni debbano essere bianche, quindi si induce i vitelli all'anemia.


Molto spesso le mucche non riescono a gestire la gravidanza per via dello scarso stato di salute, ecco questi li chiamano i non nati, questi aborti son dovuti anche alle tante gravidanze perché per massimizzare la produzione le mucche verranno fecondate nuovamente entro 3 mesi dal parto pur stando ancora nella fase di allattamento.



La mungitura negli allevamenti intensivi crea tanti problemi alle mucche. Infezioni, mastite dolori muscolari etc. Ci sono mucche che vengono munte anche 3 volte al giorno.


Quando le mucche non daranno più latte o se si rompe una zampa vengono macellate per finire nei piatti degli onnivori.
Una mucca potrebbe vivere 35 anni in natura....  ma questo non accade mai negli allevamenti perché appena si ammala o si paralizza  o semplicemente cala la quantità di latte, la mucca verrà ammazzata.

Se lo stato di questi animai non fosse sufficiente per farti smettere di bere latte e consumare latticini pensa che il latte contiene plus, infezione, sangue, antibiotici e ormoni...  e tutto questo finisce anche nei latticini.  Inoltre la proteina del latte, la caseina, crea il cancro. 
Non abbiamo bisogno del latte, le fonti di calcio di base vegetali sono più assimilabili proprio perché non si deve eliminare tutti i grassi presenti nel latte vaccino.
Aprite gli occhi, se non per etica, per salute.
Animali liberi !!!